Finanza USA

Stati Uniti e Italia mirano ad aumentare i contributi finanziari per combattere il cambiamento climatico – Notizie sugli investimenti Hubb

Gli Stati Uniti e l'Italia intendono aumentare i loro contributi finanziari per aiutare i paesi in via di sviluppo a combattere i cambiamenti climatici, hanno detto funzionari al Financial Times alla vigilia dei ministri dell'ambiente del G20 a Napoli.

Roma, che ospita il G20, e Washington stanno cercando di sanare una crescente frattura tra paesi ricchi e poveri sulla finanza climatica, una questione che minaccia di far deragliare il vertice delle Nazioni Unite COP26 a Glasgow a novembre.

L'inviato statunitense per il clima John Kerry e il ministro italiano per la transizione energetica Roberto Cingolani hanno dichiarato al Financial Times in interviste separate che volevano aumentare le loro donazioni per il clima prima del vertice della COP.

"È imperativo fare qualcosa [sulla finanza climatica]", ha affermato Kerry. "L'ho detto al presidente [Joe] Biden, è completamente d'accordo".

Cingolani ha affermato che anche l'Italia aumenterà i suoi contributi e questa è una parte importante della sua politica climatica.

La riunione dei ministri dell'ambiente del G20 di giovedì, di solito un affare di basso profilo, è vista quest'anno come un indicatore chiave per i potenziali risultati e le controversie in vista dei colloqui sui cambiamenti climatici di quest'autunno.

Il G20 include alcuni paesi che hanno fissato obiettivi climatici ambiziosi, come l'UE, e altri che hanno resistito alla fissazione di obiettivi sulle emissioni, come l'Arabia Saudita, la Russia e l'Australia, rendendo difficile il raggiungimento di un accordo.

Le nazioni ricche lo scorso anno non hanno raggiunto l'obiettivo di donare 100 miliardi di dollari per aiutare i paesi in via di sviluppo a combattere il cambiamento climatico, e il mancato impegno ha portato a una notevole angoscia da parte dei paesi in via di sviluppo, che hanno bisogno di finanziamenti per ridurre le emissioni e adattarsi a un pianeta più caldo.

"Abbiamo bisogno di molto più impegno", ha detto Cingolani. "Dobbiamo riaprire la discussione, poiché non tutti sono d'accordo sull'aumento del sostegno".

Cingolani ha affermato di sperare che i paesi possano correggere le loro differenze per raggiungere un accordo sulle misure climatiche in un comunicato finale. "Lavoreremo fino all'ultimo minuto per raggiungere un comunicato unanime", ha detto.

Ha affermato che un incontro di successo comporterebbe "due comunicati ragionevoli" su cui tutti i paesi concordano su ulteriori discussioni sull'obiettivo di limitare le temperature globali a 1,5 ° C rispetto al periodo preindustriale e sul sostegno ai paesi emergenti per "unirsi alla riunione della COP26 in seguito quest'anno con una buona base”.

Il vertice italiano sarà il primo incontro di persona dei ministri dell'ambiente dall'inizio della pandemia di Covid-19 e l'Italia spera che i colloqui aprano la possibilità di progressi accelerati alla COP26.

Kerry ha detto al FT: "Sarà in qualche modo una rivelazione per la dinamica ora, mentre ci dirigiamo verso l'Assemblea generale delle Nazioni Unite [a settembre]".

Kerry ha aggiunto che spera che i paesi del G20 si impegnino a ridurre le emissioni.

Sia l'Italia che gli Stati Uniti hanno avvertito che avrebbero bisogno dell'approvazione del parlamento e del Congresso, rispettivamente, per ottenere il permesso di aumentare i finanziamenti per il clima.

Kerry ha affermato che Biden stava "cercando di capire" come aumentare i contributi finanziari per il clima. “Deve farlo accadere nel contesto del nostro processo di budget, del Congresso e così via. Ma quel dibattito e quella discussione sono molto in corso in questo momento”.

Cingolani ha affermato che anche l'Italia aumenterà i suoi contributi e questa è una parte importante della sua politica climatica.

Source: https://investingnewshubb.com/2021/07/22/us-and-italy-aim-to-increase-financial-contributions-to-fight-climate-change/

Previous
Finanza USA[Chiusura azioni USA]U.S. le azioni sono rimbalzate in stile ritorsione, il Dow è salito di 549 punti, il Nasdaq è salito dell'1,6%-Hong Kong Economic Times-Real Time News Channel-Mercato Finanza-Mercato azionario
Next
Finanza USAGli ETF multifattoriali possono svolgere un ruolo chiave nei portafogli dei clienti. Ecco cosa sapere.

Articoli simili

Leave a Reply