Scambi di criptovaluta

Gli scambi di criptovaluta esplorano i modi per entrare in India

Gli scambi globali di valuta digitale stanno esplorando modi per stabilirsi in India, seguendo le orme del leader di mercato Binance, hanno detto fonti del settore a Reuters, mentre il governo di Nuova Delhi esita sull'introduzione di una legge che potrebbe vietare le criptovalute.

Gli oppositori del potenziale divieto affermano che soffocherebbe il potere economico di una giovane nazione tecnologicamente avanzata di 1,35 miliardi di persone. Non ci sono dati ufficiali, ma gli analisti del settore stimano che ci siano 15 milioni di investitori in criptovalute in India che detengono più di 100 miliardi di rupie (1,37 miliardi di dollari).

Secondo quattro fonti, che hanno rifiutato di essere identificate in quanto non autorizzate a commentare discussioni private, Kraken con sede negli Stati Uniti, Bitfinex con sede a Hong Kong e la rivale KuCoin stanno esplorando attivamente il mercato, che secondo gli analisti diventerebbe più grande solo se fosse dato libero sfogo. "Queste società hanno già avviato colloqui per comprendere meglio il mercato indiano e i punti di ingresso", ha affermato una fonte direttamente coinvolta in uno scambio che aveva avviato la due diligence per un'azienda indiana che stava valutando di acquisire.

Gli altri due scambi, ha detto, erano nelle fasi iniziali della decisione se entrare in India e valutare le loro opzioni, che di fatto si riducono a una scelta tra la creazione di una filiale o l'acquisto di un'azienda indiana, come ha fatto Binance due anni fa.

Bitfinex ha rifiutato di commentare mentre Kraken e KuCoin non hanno risposto a un'e-mail in cerca di commenti.

Tutti e tre gli scambi sono classificati tra i primi 10 al mondo dalla piattaforma dati CoinMarketCap, in base al loro traffico, liquidità e affidabilità dei volumi di trading riportati.

“Il mercato indiano è enorme e sta solo iniziando a crescere, se ormai ci fosse più certezza politica, i consumatori indiani avrebbero avuto l'imbarazzo della scelta in termini di scambi perché tutti vogliono essere qui”, ha affermato Kumar Gaurav, fondatore di digital banca Cashaa.

I sostenitori delle criptovalute affermano che sarebbero il modo più efficiente in termini di costi per gli indiani all'estero per trasferire fondi a casa.

Ma le autorità temono che ricchi e criminali possano nascondere la loro ricchezza nel mondo digitale e che i flussi speculativi di fondi attraverso i canali digitali, non governati dai rigidi controlli sui cambi dell'India, possano destabilizzare il sistema finanziario.

Senza regole

Finora, l'India non ha avuto regole specifiche per gli scambi di criptovalute che desiderano stabilirsi nel paese. Invece, potrebbero registrarsi come aziende tecnologiche per ottenere un percorso di ingresso relativamente facile.

Nel 2019, Binance ha acquisito WazirX, una startup indiana di criptovalute che ha consentito agli utenti di acquistare e vendere criptovalute con rupie sul Binance Fiat Gateway.

L'exchange con sede negli Stati Uniti, Coinbase, ha annunciato piani per un back-office in India.

Ma con il contesto normativo per le criptovalute che sta peggiorando a livello globale, le autorità indiane stanno esercitando un controllo maggiore.

In Cina, le autorità hanno vietato alle banche e alle società di pagamento online di fornire servizi relativi alle transazioni di criptovaluta.

E il governo indiano avrebbe dovuto presentare un disegno di legge al Parlamento entro marzo che proponeva il divieto delle criptovalute, rendendone illegale il commercio e trattenendole. Ma il governo lo ha trattenuto e da allora dichiarazioni contrastanti hanno alimentato l'incertezza sul destino del disegno di legge.

Nel frattempo, le principali banche indiane hanno iniziato a recidere i legami con gli scambi e i commercianti di criptovalute, tra le preoccupazioni della Reserve Bank of India sui rischi per la stabilità finanziaria posti dall'attività volatile.

La RBI sta cercando di lanciare la propria valuta digitale, ma il governatore Shaktikanta Das a febbraio ha descritto quei piani come "lavori in corso".

Nonostante tutta l'incertezza su cosa finirà per fare l'India, alcuni exchange di valute digitali ritengono chiaramente che sarebbe meglio entrare piuttosto che perdere.

"È chiaro che i vantaggi superano i rischi percepiti, il che sta attirando queste aziende globali nel mercato indiano", ha affermato Darshan Bathija, amministratore delegato di Vauld, uno scambio di criptovalute straniero con una presenza in India.

Tutti e tre gli scambi sono classificati tra i primi 10 al mondo dalla piattaforma dati CoinMarketCap, in base al loro traffico, liquidità e affidabilità dei volumi di trading riportati.

Source: https://www.aljazeera.com/economy/2021/6/9/cryptocurrency-exchanges-explore-ways-to-enter-india

Previous
Scambi di criptovalutaCoinShares elenca gli ETP crittografici supportati fisicamente sull'exchange tedesco
Next
Scambi di criptovalutaI principali scambi di criptovalute esplorano l'ingresso in India nonostante il potenziale divieto

Articoli simili

Leave a Reply